progetto TECNICAMENTE

Dettagli

Venerdì 17 maggio si è svolta l'edizione 2019 del progetto TECNICAMENTE proposto dalla Adecco.
L’obiettivo del progetto è favorire l’incontro tra domanda e offerta, creando un momento di confronto tra gli studenti dell’ultimo anno e le aziende del territorio interessate a incontrare e inserire giovani di talento.

Leggi tutto: progetto TECNICAMENTE

Calendario Mediare i conflitti

Dettagli

Insieme si può vincere !         

 

Calendario disponibilità all’incontro

 

Giorno

ore:

mediatori

Mercoledì 8 maggio

14.00 – 15.00

ANCORA CALLEGARI BIANCHI CATTAROSSI

Venerdì 10 maggio

14.00 – 15.00

SPINAZZE’ FOLLINA GALESSO

Mercoledì 15 maggio

14.00 – 15.00

TUDOR VISENTIN MARIUZZO

Venerdì 17 maggio

14.00 – 15.00

CENEDESE  MAROTTI MIOTTO

Mercoledì 22 maggio

14.00 – 15.00

TORESAN BOTTER PAVAN

Venerdì 24 maggio

14.00 – 15.00

CURTOLO ANNIBALE TRENTIN

Mercoledì 29 maggio

14.00 – 15.00

FORLIN FAVARO FIORINI BERGO

Venerdì 31 maggio

14.00 – 15.00

DE MARCHI NEGRISOLO ZUSSA IABICHELLA

Mercoledì 5 giugno

14.00 – 15.00

SOLLAZZO MILAN FRANCESCHINI TOMA

Venerdì 8 giugno

14.00 – 15.00

LIN MIGLIORANZA HOSSAIN

Per richiedere un appuntamento scarica il modulo

Dettagli

  

 

CHI E’ IL MEDIATORE DI CONFLITTI E COSA FA?

 

Il mediatore ha il compito di facilitare l’accordo tra due parti in conflitto (esempio: tra due studenti) proponendo soluzioni condivise.

Gli studenti possono contare sulla riservatezza dei mediatori.

CHI SONO I MEDIATORI DEI CONFLITTI DELLA SEDE FERMI

QUANDO MI POSSO RIVOLGERE AL MEDIATORE DI CONFLITTI?

Quando si è creato un conflitto con uno o più compagni di scuola tale da provocarti una situazione emotiva di disagio, ad esempio perché legata a comportamenti tipici del bullismo o del cyberbullismo.

 

COME MI PRENOTO PER ACCEDERE ALLO SPORTELLO DEL MEDIATORE DI CONFLITTI?

Se vuoi prenotare un colloquio con un tuo compagno di scuola mediatore, devi:

1 – consultare il calendario delle disponibilità al link seguente >>>Calendario

1 – scaricare il modulo al link >>> modulo di richiesta appuntamento e compilarlo

2 – depositare il modulo compilato nell’apposita cassettina disponibile in portineria, zona classi.

Riceverai via mail o cellulare (a seconda di quello che avrai indicato nel modulo) la conferma dell’appuntamento.

 

PROGETTO PER PREVENIRE E/O CONTRASTARE FENOMENI DI BULLISMO E CYBERBULLISMO NELLE SCUOLE SECONDARIE

SCHEDA CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER COSTITUIRE IL GRUPPO DI MEDIAZIONE DEI CONFLITTI

SCHEDA CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER COSTITUIRE IL GRUPPO DI MEDIAZIONE DEI CONFLITTI Filesize 311.49 KB

 

Buone pratiche relative alla prevenzione e contrasto del bullismo e cyberbullismo

Dettagli

Nel corrente anno scolastico il Fermi ha proseguito per tutte le classi prime un progetto già realizzato nel corso dell’A.S. 2017/18 che vede coinvolte  più componenti della vita della scuola. Il progetto di quest’anno, peraltro, è stato ulteriormente integrato con nuove attività e la partecipazione di altri docenti.

La cronaca registra con troppa frequenza episodi di bullismo e cyberbullismo senza ormai alcuna distinzione di genere, effettuati per prevaricare fisicamente e psicologicamente, tramite i nuovi mezzi di comunicazione, i compagni più deboli. Chat, social, smartphone e siti web in genere sono strumenti che, se non ben utilizzati, possono facilitare atti di intolleranza verso il prossimo, prevaricazioni offensive, violenze a volte ripetute nel tempo che producono nelle vittime stati di prostrazione tali che, in assenza di interventi di contrasto, possono condurre a conseguenze irreparabili.

La necessità di conoscere e prevenire questo fenomeno, impone alla scuola di attivarsi per sensibilizzare i ragazzi e anche le loro famiglie sui rischi della rete.

Queste sono le motivazioni alle basi di questo progetto che vuole far interagire insegnanti, docenti e famiglie su questo tema di così forte delicatezza ed attualità.

Il progetto prevede lo svolgimento di diverse attività con cadenza quasi mensile, durante le quali gli alunni vengono impegnati a riflettere sul “ben….essere” in ambiente scolastico. Sono coinvolti nelle attività diversi docenti (lettere, lingue, scienze motorie, diritto) che, nell’ambito di una strategia programmatica complessiva, effettuano interventi incrementali di avvicinamento al tema da parte dei ragazzi in modo da stimolarne e suscitarne la riflessione e la disapprovazione per i comportamenti “bullizzanti”. Gli insegnanti di italiano invitano gli alunni ad una lettura orientata sul tema con successiva analisi collettiva dei brani letti. Segue, poi, l’intervento del docente di diritto che invece porta i ragazzi ad una riflessione guidata con metodo “brainstorming” sui profili giuridici e di responsabilità, anche sul piano delle conseguenze di comportamenti che assumano valenza penale.  I ragazzi sviluppano poi i contenuti degli apprendimenti attraverso cartelloni tematici o simulazioni di ruolo sul tema (role-playing). Quindi, i docenti di lingue sono chiamati a guidare gli alunni nella realizzazione di dialoghi sul tema dell’amicizia e dello stare bene insieme (ben….essere). In ultimo, gli insegnanti di scienze motorie devono destinare del tempo allo svolgimento di giochi di squadra che mirino a consolidare il rapporto di amicizia tra coetanei. In questa progettazione intervengono altresì la visione di un film sul tema dei rapporti tra coetanei con successiva riflessione guidata e un incontro sul tema del bullismo e cyber bullismo tenuto dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Treviso.

Tale attività è stata integrata quest’anno dalla formazione di un gruppo di mediatori di conflitti composto da circa trenta studenti che, dopo aver frequentato laboratori formativi ad hoc, possono essere utilizzati quale valido aiuto al corpo docente per il superamento di problematiche afferenti episodi di bullismo. 

Si tratta di un “Gruppo di Mediazione fra pari” composto, per l’appunto, da studenti che attraverso un percorso formativo mirato acquisiscono competenze di mediazione per la gestione e risoluzione di conflitti interpersonali sia direttamente che on-line. Il fine è dare ai ragazzi gli strumenti per offrire ai loro compagni e coetanei un servizio di mediazione nella gestione dei diverbi e delle tensioni interpersonali al fine di limitare per quando possibile la loro degenerazione in conflitti gravi con la conseguente necessità di intervento da parte degli adulti. Il progetto, pur dando rilievo ai potenziali rischi del web, prevede anche la valorizzazione degli aspetti positivi di Internet quali la possibilità di sviluppare campagne di sensibilizzazione su temi sociali e dei diritti umani, l’accesso alle informazioni ed alla conoscenza, la condivisione di materiali formativi, fornire un megafono per i propri talenti/capacità espressive.

 Il percorso educativo inerente la mediazione dei conflitti si svolge attraverso degli incontri per un totale di 15 ore. Durante le fasi iniziali viene approfondito il tema del conflitto fra pari con particolare attenzione al mondo di internet e dei social media. Successivamente vengono introdotte ed analizzate le più specifiche fasi della mediazione fra pari. 

Ogni incontro è svolto attraverso una didattica interattiva e dinamica con la partecipazione attiva di tutti i ragazzi coinvolti, stimolando la riflessione e l’analisi delle tematiche proposte anche tramite giochi di ruolo e brainstorming di gruppo. Inoltre viene data particolare rilevanza a tutti gli aspetti emotivi e motivazionali che interagiscono in tutte le situazioni di conflitto e di (cyber)bullismo; si ricorda a tal proposito che il cyber bullismo va inquadrato come un fenomeno che amplifica gli atti di bullismo dandone maggiore visibilità ed aumentando gli effetti di disagio psicologico sulle vittime, ma la sua natura rimane la stessa delle forme classiche di bullismo. Per questo il progetto, che viene realizzato con il contributo di esperti del settore legati alla Rete “Progetto pace”, insiste particolarmente sugli aspetti di dinamica relazionale piuttosto che sulla conoscenza di aspetti tecnici relativi al web.

 Un’altra attività di nuova realizzazione per quest’anno è lo svolgimento di una lezione sul tema “bullismo ed alimentazione”, organizzata in collaborazione con una docente esperta in argomento. Quest’ultima attività è stata prevista per le sole classi seconde.

 Tutto il progetto sul bullismo e cyber bullismo segue ad un incontro preliminare, di fondamentale importanza, che prevede il coinvolgimento degli alunni di classe prima con le relative famiglie nelle attività di prevenzione del fenomeno che la scuola vuole attivare. All’incontro, al quale ha preso parte il referente scolastico sul tema ed il Comandante dei Carabinieri di Treviso, si è avuto modo di realizzare una sensibilizzazione dei genitori alla presenza degli stessi figli, al fine di superare in via preventiva le barriere psicologiche e culturali che in molti casi costituiscono un impedimento per i ragazzi vittime di bullismo a confidarsi con i propri familiari circa quanto subito.

La Referente per il bullismo

e cyber bullismo Sede Fermi

      Prof.ssa Carla Mollura

PROGETTO PON CITTADINANZA EUROPEA – AVV 3504

Dettagli


Giovedì 17 gennaio si sono conclusi i primi due moduli dedicati alla Cittadinanza Europea del Progetto Pon Avv. 3504.

Leggi tutto: PROGETTO PON CITTADINANZA EUROPEA – AVV 3504

L’Istituto Giorgi-Fermi ha celebrato la Giornata europea delle lingue

Dettagli

Il Consiglio d’Europa promuove tale evento che si rinnova il 26 settembre di ogni anno, a partire dal 2001.

 Gli obiettivi generali della Giornata Europea delle Lingue sono: 

  • informare i cittadini europei sull’importanza dell’apprendimento delle lingue diversificando la gamma di lingue imparate, con l’obiettivo di incrementare il plurilinguismo e la comprensione interculturale;
  • promuovere le ricche diversità linguistiche e culturali dell’Europa, che devono essere preservate e favorite;
  •  incoraggiare l’apprendimento delle lingue durante tutto l’arco della vita dentro e fuori la scuola per motivi di studio, per esigenze professionali, ai fini della mobilità o per piacere personale e di scambi.

 Per sensibilizzare gli studenti e celebrare tale ricorrenza, nella settimana dal 24 al 29 settembre, sono state organizzate dai docenti di lingua straniera delle attività nelle proprie classi.

Leggi tutto: L’Istituto Giorgi-Fermi ha celebrato la Giornata europea delle lingue

Serata conclusiva del laboratorio di lettura sul tema: "Emigrazione e Prima Guerra Mondiale

Dettagli

Martedì 20 marzo 2018, ore 21 - nell' Aula Dorigo dell'Istituto Superiore “Giorgi – Fermi” Treviso, il Corso Serale ha presentato la serata conclusiva del laboratorio di lettura sul tema:"Emigrazione e Prima Guerra Mondiale".

 Articolo Tribuna di Treviso

 
     

Sottocategorie

  • E-Learning

    Giorgi Fermi

  • ECDL
  • Archivio Progetti
  • EcoProfession

    Progetto Erasmus + Strategic partnerships, KA2, n. 2015-1-PL01-KA202-017172:  
    “EcoProfession – strategic partnership for adjusting systems of vocational education to the challenges of the green economy”

   
Copyright © 2019 Ist. Giorgi Fermi di Treviso. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
© ALLROUNDER personalizzazione by Valerio Giancarlo